Da Roses la seconda bordata!

servizio di Roberto Porcu


 Con un leggero ritardo invio gli ultimi aggiornamenti relativi alla trasferta dei laseristi isolani agli ultimi Campionati Europei Master di Laser svoltisi a Roses, Spagna.
Pochi gli exploit da segnalare sotto l’aspetto agonistico, più ricche le notizie di “cronaca ”.
La regata ha confermato il valore assoluto dell’apprendista Leonardo Piras che come noto, ha sconfitto nella prova di apertura il plurimedagliato olimpionico greco Adonis Boujouris. Quest’ultimo si è tuttavia vendicato già dalla seconda prova: alcuni spettatori giurano di aver visto il greco, dopo aver tagliato la finish line con un bordo di vantaggio, vestirsi in costume tipico  e attendere l’arrivo di Piras ballando il Sirtaki in pozzetto!! Il nostro atleta concludeva comunque  al 5° posto assoluto.
Anche Cugino Gabriele Loy si è dimostrato atleta di valore internazionale andando a cogliere un prestigioso 6° posto nella sua categoria dopo essere stato 3° per le prime due giornate. Ironia della sorte in una partenza si incastrava con un altro atleta, italiano, sardo, sassarese. Purtroppo la diversità di linguaggio (uno diceva  “a minnesci da li gugliò”  e l’altro rispondeva  “ma ri bogasa da iscallò” ) non consentiva ai due di comprendersi e ritardava la partenza di entrambi.
Nella giornata in cui il vento non ha consentito lo svolgimento delle regate  da segnalare l’ottima prova del Capo Spedizione Mario Orlich e del Master Radial Roberto Porcu nella gara di kart. I due riscattavano brillantemente  le infelici posizioni conquistate in regata. Nella stessa gara il Grand Master Antonio Locherill che girava con tempi quasi doppi rispetto agli altri concorrenti, è stato visto più volte reclinare il casco all’indietro colpito da improvvisi quanto inspiegabili colpi di sonno.
Da segnalare inoltre altri episodi nel campo di regata:
1) Il Great Grand Master Enzo AH? Masala incrociava il campione Inglese Steve Cockerill partito in un’altra batteria: erano entrambi soli….Cockerill in quanto aveva un vantaggio enorme sulla sua flotta, Masala perché aveva tirato un po’ troppo il bordo di bolina: questo il dialogo:
Masala: “Schiusmi uear is the boa of my percours?”
Cockerill allungava un braccio, tirava fuori il dito medio e rispondeva: “Fuck you!!”
Masala: “Tenkiu very mach”!! E virava per seguire l’indicazione dell’inglese. 
2) Il Great Grand Master Enzo AH? Masala e il Grand Master Andrea Guicciardi girano, 3°e 4° la prima boa di bolina e si involano in solitudine verso il cancello di poppa dove arrivano 1° e 2°!! Nonostante taglino il traguardo, anche se nelle posizioni di coda,  si trovano entrambi DSQ! Le spiegazioni fornite dal Comitato di Regata erano che i due avevano scambiato per cancello di poppa le due mede che delimitavano l’ingresso dello stabulario di cozze. Riuscivano allora a spiegarsi il perché  di quell’improvviso arrivo nelle retrovie.
Da segnalare inoltre il prezioso contributo del meteorologo Antonio Pala anche se le informazioni fornite risultavano difformi dalle condizioni reali. Si veniva a scoprire, a regata conclusa, che le previsioni corrispondevano si a Roses, ma ad omonima località balneare messicana.
La carovana infine con tempi ristrettissimi si involava alla volta del porto di Barcellona dando l’onere a Roberto Porcu di guidare il gruppo, in quanto dotato di navigatore satellitare di ultimissima generazione.  A circa 30km. Il navigatore ordinava di uscire dall’Autostrada,  portando tutte le 8 macchine con rispettivi carrelli all’interno di un paese dal quale  si riusciva a uscire in soli quaranta minuti e dopo quarantuno semafori rossi. Inspiegabili le ingiurie rivolte al capogruppo, nonostante quella manovra avesse fatto risparmiare  la bellezza di un euro e settantacinquecentesimi di Autostrada ad equipaggio!! Vai a fare del bene alla gente!!
Prossimo appuntamento in data da definirsi per la gara di kart nel kartodromo di Sestu, disciplina nella quale i nostri atleti hanno dimostrato di non essere secondi a nessuno